Blocca il cheratocono
con
il Cross-linking

Il cheratocono è una malattia che si verifica quando la cornea si indebolisce e si assottiglia progressivamente, assumendo una forma conica. I pazienti affetti da questa condizione hanno una ridotta funzione visiva con sintomi quali visione sfocata, sensibilità alla luce, bagliori, difficoltà nella guida notturna che peggiorano man mano che la malattia progredisce. Se non trattato, può essere necessario un trapianto di cornea.

 

La terapia del Cross Linking corneale può arrestare ed in alcuni casi bloccare l’evoluzione del cheratocono. Questa metodica incrementa la resistenza del tessuto corneale evitando il progressivo continuo sfiancarsi della cornea ed il concomitante deterioramento visivo percepito dal paziente.

Il cross-linking si esegue su un occhio alla volta con un intervallo da 3-6 mesi fino ad un anno. Durante questo periodo il chirurgo monitorerà attentamente i cambiamenti nella forma della cornea e nella visione.

Vantaggi

I vantaggi si questa tecnica sono numerosi:

  • stabilizza la malattia
  • migliora la tolleranza alle lenti a contatto
  • riduce o elimina la necessità di un trapianto di cornea
  • può ridurre lievemente il difetto refrattivo con conseguente miglioramento della qualità visiva

 

Cross linking con iontoforesi
L'avanguardia

Il cross-linking corneale transepiteliale con iontoforesi, evoluzione delle precedenti tecniche di cross linking, è una procedura non invasiva, che facilita l’assorbimento della riboflavina (farmaco necessario per l’attivazione del processo di cross linking) all’interno della cornea.

Essa combina i vantaggi di due precedenti tecniche di cross-linking, quello transepiteliale e quello con disepitelizzazione, riducendone gli effetti collaterali:

  • maggiore assorbimento corneale della riboflavina;
  • maggiore velocità di trattamento (15 min vs 60 min)
  • minore dolore post-operatorio

In esclusiva a Villa Richeldi

Prima
e
Dopo

  • Il giorno dell’intervento pianifica di restare presso la nostra clinica per almeno 60min, ma potrai andare via già dopo 15 minuti dopo l’intervento

 

  • Avrai bisogno di un autista per accompagnarti a casa perché la tua vista potrebbe risultare sfocata dopo il trattamento ed anche per i primi controlli post operatori
  • Verranno usati gocce di anestetico 

 

  • Tra le palpebre verrà posizionata una piccola molletta per aiutarne l’apertura
  • I colliri alla riboflavina (Vitamina B2) saranno instillati a intervalli regolari e veicolati gradualmente nella cornea grazie alla iontoforesi

 

  • Una lente a contatto verrà posizionata sulla cornea immediatamente dopo il trattamento

  • Il nostro obiettivo è garantire che i pazienti siano in grado di riprendere le normali attività il più rapidamente possibile. Questo in genere varia da uno a sette giorni

Recupero
visivo

L’obiettivo del cross-linking è di stabilizzare la cornea, fermare la progressione del cheratocono e prevenire un ulteriore deterioramento della vista. La maggior parte dei pazienti avrà ancora bisogno di occhiali e / o lenti a contatto per correggere la loro visione dopo la procedura. La cornea può continuare a migliorare leggermente per molti mesi. Durante questo periodo molti pazienti potrebbero aver bisogno di nuovi occhiali o lenti a contatto per adattarsi a questi cambiamenti.

Interventi di correzione di difetti visivi in pazienti trattati con il cross linking dovranno essere discusse con il medico chirurgo solo dopo che si è raggiunta la stabilizzazione della cornea.